Giornalista, pubblicista e attore, nasce all’Aquila nell’ottobre del 1940.

 

Numerose le sue esperienze in campo teatrale, televisivo e cinematografico:

Già nel 1956 comincia a sperimentare il teatro facendo parte delle ormai famose Riviste dell’Istituto Tecnico dell’Aquila, per poi passare nel ’58 alla scuola di cultura drammatica. Nel 1960, entra a far parte, come attore, della Compagnia Teatrale Amatoriale “Piccola Brigata” dell’Aquila,

ottenendo sempre lusinghieri riconoscimenti dalla critica locale, nazionale ed internazionale, Molti gli spettacoli portati all’estero; negli Stati Uniti, in Canada, in Marocco, Portogallo, Spagna, Francia, Principato di Monaco, Svizzera, Germania, Belgio, Lussemburgo, Polonia, in vari festival internazionali e negli Istituti Italiani di Cultura. In età più matura partecipa a vari programmi radiofonici e televisivi, sia come autore che come attore. Nel 1978 interpreta il ruolo del questore di Milano in uno sceneggiato televisivo in tre puntate, per la RAI, regia di Davide Montemurri. Ad oggi è il regista di tutte le opere messe in scena dalla Piccola Brigata, e interpreta il ruolo dell’impiegato comunale nel film “Fontamara” diretto da Dino Risi. Per il programma “Sereno variabile” con Osvaldo Bevilacqua, interpreta il ruolo di un confratello di Celestino V, nelle “Interviste impossibili”. Dall’ 85 all’89 lavora con i ragazzi di numerose scuole dell’Aquila per la messa in scena della tragedie greche, anche come materia d’esame nella prova di maturità. Numerose le sue pubblicazioni, tra cui ricordiamo: “Ju rattattuju” schizzi e scherzi in dialetto aquilano: “Aretanghete” schizzi e scherzi in dialetto aquilano; “Abbonicundi” schizzi e scherzi in dialetto aquilano; viene tradotto e rappresentato un suo testo teatrale in lingua friulana: “Ju ‘nguacchiu” diventa “L’imberdei”. Un altro suo lavoro teatrale: “Ju bbassu” diventa “Ains quaranta, puars ma contents”; “La mestecanza” schizzi e scherzi in dialetto aquilano; “Ju ‘ndruju” schizzi e scherzi in dialetto aquilano; “Temé!” trasmesse dall’emittente locale TV1; “Temé! 2” trasmesse dall’emittente locale TV1; “Grammatica, vocabbolariu, ji jochi de na ‘òte, proverbi e módi de di’”; “Pé rie” 99 barzellette in versi in dialetto aquilano; “Teatro” quattro commedie in dialetto aquilano; “Temé! 3” trasmesse da laQtv (pronto per la stampa).

Franco Narducci

  • Grey Vimeo Icon
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon
  • Grey YouTube Icon
  • Grey Instagram Icon